Sarà un lungo week end, il primo della stagione, che metterà a dura prova la rete autostradale siciliana che fa già i conti con le ripercussioni causate dall’interruzione della Palermo-Catania.

Il Consorzio autostrade siciliane ipotizza, sulla strade di propria pertinenza, un incremento del traffico soprattutto nella giornata dell’1 maggio e nel rientro di domenica 3 maggio con possibili rallentamenti e code negli svincoli di testa ed in quelli ricadenti nelle località turistiche.

Sulla autostrada Messina-Palermo rimangono chiuse al traffico le gallerie “Capo d’Orlando” e “Tindari”, mentre il Cas precisa che “per quanto riguarda la “Galleria Calavà” sono in corso gli ultimi interventi per ripristinare la viabilità in modo di garantire di normalizzare il traffico entro il 1 maggio”.

Sulla tangenziale di Messina si circola a corsia unica centrale lungo il Viadotto Ritiro, mentre sulla Siracusa-Gela, nella tratta Cassibile-Rosilini, per il 1 maggio, saranno eliminate le parzializzazioni di carreggiata in entrambe le direzioni ed in prossimità della barriera di Cassibile saranno fruibili due porte d’accesso invece di una sola.

Il Cas annuncia anche di avere potenziato le attività di assistenza al traffico, quelle di pedaggio ai caselli per velocizzare le operazioni di pagamento e le squadre di intervento per qualsiasi chiamata degli utenti ed il Centro Radio – h 24 – per informazioni, soccorsi meccanici e sanitari, interventi per sinistri e per ogni tipo di assistenza.

Su tutte le autostrade la Polizia Stradale ha assicurato il potenziamento dei servizi con controlli speciali e saranno in funzione anche autovelox, etilometro, tele laser e scout-nav.

Venerdì 1 maggio e domenica 3 maggio i mezzi pesanti non potranno circolare nella fascia oraria 8-22.