“Siamo colpiti e profondamente addolorati per quanto accaduto, questa notte, nelle campagne cefaludesi. Ma anche molto arrabbiati, perché questa è una tragedia annunciata”. Lo dice in una nota il sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina commentando la tragica aggressione avvenuta la notte scorsa in contrada Ferla dove una coppia è stata aggredita da un branco di cinghiali. L’uomo, Salvatore Rinaudo 77 anni, ha perso la vita e il primo cittadino ha  disposto la proclamazione del lutto cittadino nel giorno dei funerali.

“Da tempo – aggiunge Lapunzina -chiediamo che la Regione vari una legge per l’abbattimento controllato di una fauna, quella dei suidi, che, cresciuta a dismisura, danneggia le colture e, sopratutto, incute timore negli abitanti. Più incontri si sono succeduti, su nostra richiesta in Prefettura, ed è dell’ottobre scorso l’audizione, presso la IV Commissione ARS del Presidente dell’Ente Parco Madonie, che , a nome dei sindaci, ribadiva la richiesta di misure urgenti, per permettere l’abbattimento degli animali. Ora, la tragedia, che, nella nostra società, pare essere un elemento necessario a smuovere le coscienze”.

Stamani il sindaco si è recato in ospedale dove è ricoverata Rosa Rinaudo, alla quale Lapunzina ha espresso, a nome della città, il cordoglio per la scomparsa del marito.

Anche Coldiretti insorge chiedendo che venga approvata la proposta di legge che contribuisce ad arginare le tragedie provocate dagli animali selvatici.

“Si tratta di un fenomeno gravissimo che dev’essere risolto –  dicono il presidente e il direttore di Coldiretti Sicilia, Alessandro Chiarelli e Prisco Lucio Sorbo – . Gli animali distruggono i raccolti, sterminano quelli allevati, provocano numerosi incidenti stradali e mettono in pericolo la vita delle persone. E’ una situazione insostenibile che sta determinando l’abbandono delle aree interne da parte della popolazione, con problemi sociali, economici e ambientali. In alcune zone dell’Isola i conigli distruggono produzioni uniche”.

“Nella nostra proposta di legge già presentata al Governo regionale – concludono i vertici della Coldiretti- sono previste le azioni di tutela del territorio, la prevenzione e il controllo, il risarcimento dei danni e le azioni di contenimento. Una nuova norma potrebbe evitare disgrazie simili e incrementare la fruibilità dei parchi, elemento fondamentale per il nostro turismo”.

“Risale a più di un anno fa l’audizione con la quale chiesi al governo di operare in relazione alla questione “suidi”, da allora poco o nulla è stato fatto”. Così, il presidente Cinquestelle della commissione Ambiente dell’Ars, Giampiero Trizzino, dopo la tragedia che ha colpito una coppia a Cefalù.

“Ho deciso – dice Trizzino – di riconvocare già lunedì mattina i vertici dell’assessorato per trovare una soluzione. Sarebbe auspicabile una norma stralcio o, nelle more, una ordinanza che in via transitoria che consenta di agire in deroga alle norme vigenti”.