A Sciacca sorgerà un impianto a biomasse. L’iniziativa è della Moncada Energy Group che ha acquistato qualche anno fa lo stabilimento della ex consorzio Kronion. Si tratta di un investimento che prevede, così come riportato sul sito della società dell’imprenditore agrigentino Salvatore Moncada, la produzione di alcool grezzo per i propri impianti attraverso i sotto prodotti della distilleria che rappresentano materia prima per gli impianti a biomasse, con l’obiettivo, proprio di queste centrali, di produrre biogas per alimentare un gruppo elettrogeno per la produzione di energia.

Le biomasse infatti comprendono vari materiali di origine biologica, scarti delle attività agricole riutilizzati in apposite centrali termiche per produrre energia elettrica. Si tratta generalmente di scarti dell’agricoltura, dell’allevamento e dell’industria, come legname da ardere, residui agricoli e forestali, scarti dell’industria agroalimentare, reflui degli allevamenti, rifiuti urbani, specie vegetali coltivate per lo scopo.

Il comune di Sciacca avrebbe già dato il via libera all’iniziativa rilasciando le dovute autorizzazioni, che riguardano nello specifico la creazione di una centrale a biomasse che trasforma il Sorgo dolce o zuccherino, (una pianta di origine tropicale che per caratteristiche risulta molto resistente alla siccità e quindi molto adatta ai nostri climi che sembra essere un’alternativa al bioetanolo), in gas da bruciare. Le quantità sarebbero non indifferenti, si parla di 450 mila tonnellate l’anno.

Se da una parte la combustione delle biomasse costituisce un ottimo sistema per ridurre l’inquinamento del suolo, dall’altra concorrono all’inquinamento dell’aria con i fumi della loro combustione provocando l’effetto serra e dando origine alle piogge acide. Questo ovviamente significa polveri sottili nella contrada Chiana, sede della Kronion e scarichi industriali direttamente in mare, cosa che la Moncada Energy Group cercherà di evitare allacciandosi alla rete fognaria cittadina, anche se la zona dove questa dovrebbe sversare non è rientra nel primo stralcio del PARF, opere già realizzate

Il caso della centrale a biomasse, sta facendo discutere in città, anche se l’argomento era solamente un’indiscrezione di stampa. Oggi è arrivata la conferma dallo stesso imprenditore Salvatore Moncada, che precisa di non realizzare una novità a Sciacca, in quanto la distilleria Kronion di fatto era una centrale a biomasse in quanto trasformava gli scarti dell’uva. Secondo Moncada, La Moncada Energy Group, ha l’obiettivo di potenziare l’attività producendo energia otto mesi l’anno e non solamente due come accade adesso.

Nei giorni scorsi ad intervenire sull’argomento era stato il senatore Giuseppe Ruvolo che si dice contrario all’iniziativa. Oggi invece sono i consiglieri comunale d’opposizione Emmi e Cognata che in una interrogazione chiedono chiarimenti al Sindaco sull’iniziativa.