Sono stati ‘traditi’ dal loro nervosismo e da una casualità un’auto che forzando un posto di blocco sulla Statale 514 ha innescato una serie di controlli da parte della polizia. Marito e moglie, entrambi incensurati ed originari di Castel di Iudica, in provincia di Catania, sono finiti in manette perché sorpresi con oltre mezzo chilo di eroina purissima nascosta nella borsetta della donna.

Il panetto di droga era fra centinaia di caramelle e la borsa era stata ricoperta di dentifricio, stratagemmi che sarebbero dovuti servire ad eludere il fiuto dei cani. Ma è stato l’atteggiamento della coppia ad insospettire i poliziotti.

I due, infatti, sono stati fermati dagli agenti delle Volanti e da quelli della Squadra Mobile di Ragusa per un controllo, ma sono apparsi subito nervosi. In particolare la donna tremava durante le verifiche, che inizialmente avevano dato esito negativo, i poliziotti però hanno chiesto ai coniugi di seguirli in Questura dove è stato scoperta l’eroina.

Il marito si sarebbe assunto la responsabilità del carico, ma il suo racconto non ha convinto gli investigatori della Squadra mobile iblea.

Secondo gli investigatori i due coniugi avrebbero acquistato la droga da qualche trafficante del ragusano per poi tornare a Castel di Iudica, ma è al vaglio degli inquirenti anche l’ipotesi che stavano portando qui la droga per qualche “cliente” ma l’affare non si sarebbe concluso.

Proprio nel Ragusano, infatti, negli ultimi tempi sono stati sequestrati altri carichi di sostanze stupefacenti.

L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa, la moglie invece in un istituto penitenziario di Catania.