E’ stata fissata l’udienza preliminare per discutere il rinvio a giudizio a carico di Mario Alloro, attuale deputato regionale del Pd, per il reato di “abuso d’ufficio aggravato e continuato dalla rilevante gravità del vantaggio patrimoniale” tra il 2007 e il 2009.

La richiesta di rinvio a giudizio è stata formulata dal procuratore della Repubblica di Enna, Calogero Ferrotti. L’udienza dinanzi al gup si terrà il 30 aprile prossimo.

L’indagine scaturisce dalle denunce presentate dall’allora commissario straordinario del Consorzio Asi di Enna, Alfonso Cicero, attuale presidente dell’Irsap, parte offesa nel procedimento al pari dell’assessore regionale all’Industria. Cicero, nel periodo in cui ricopriva l’incarico di commissario straordinario del Consorzio Asi di Enna (2010-2012), aveva presentato diversi esposti contro la gestione di Alloro, al tempo direttore generale, e degli ex amministratori, denunce che avevano generato diversi accessi dei Carabinieri di Enna con l’acquisizione di atti negli uffici dell’Asi.

Nella richiesta di rinvio a giudizio l’accusa sostiene che Alloro avrebbe conferito – nella sua qualità di dirigente generale del Consorzio Asi di Enna – l’incarico all’architetto Salvatore Serra, esterno all’amministrazione consortile, di dirigente di tre unità operative dell’area tecnica del Consorzio. “Una decisione adottata – scrive il pm – in violazione delle disposizioni normative e regolamentari”.