Finalmente è stato siglato un accordo tra l’amministrazione comunale di Ragusa e l’operatore siciliano Mandarin che porterà su tutto il territorio ragusano la connetività grazie alle nuove tecnologie basate sul WiMax (banda larga senza fili), senza costi né per il Comune né per la cittadinanza.

La prima fase del piano di sviluppo territoriale prevede l’attivazione della la rete WiMax, che porterà banda larga anche nelle zone prive di Adsl. Fatte le opportune verifiche tecniche, infatti, il Comune ha indicato le zone più colpite da questo problema ed ha assegnato all’operatore i luoghi dove installare le stazioni radio base necessarie per il trasporto del segnale WiMax. È stata già realizzata una prima copertura che raggiungerà circa 20.000 famiglie, all’interno di zone come Puntarazzi, Cisternazzi, Bruscè che da sempre vivono una situazione di assoluta mancanza di servizi Adsl. Il tutto con un minimo impatto ambientale, quasi nullo al confronto con quello di altre, più diffuse, tecnologie senza fili.

Benefici per tutti dunque, il Comune potrà infatti avere la possibilità di creare una rete interna di collegamento tra tutte le sedi degli uffici comunali dislocati sul territorio, la possibilità di creare facilmente reti di videosorveglianza, di monitoraggio ambientale, di gestire la segnaletica stradale e i servizi di allarme, di creare punti di informazione, touch screen, sia per il turismo, sia per la viabilità sia per la sicurezza dei cittadini.

I cittadini potranno utilizzare la rete che coprirà tutta la città con costi di abbonamento, per offerte flat, che partono da 20€.

Le aziende potranno sfruttare le performance della rete WiMax cittadina per gestire, ad esempio, sistemi di videosorveglianza privati, per realizzare qualsiasi tipo di collegamento anche tra supporti molto distanti tra loro ma anche semplicemente per navigare in internet.

Ragusa è il primo esempio siciliano di città WiMax supportata da Mandarin, il Presidente di Mandarin, Vincenzo Franza, ha espresso grande soddisfazione per i risultati raggiunti: “La città di Ragusa è sempre stata un esempio di sviluppo produttivo fondato sulla solidità degli investimenti degli imprenditori locali in tutto il territorio. Una struttura di questo livello ovviamente necessitava dei migliori standard di comunicazione possibili per ampliare ancora di più la propria forza e consolidare i traguardi raggiunti in questi anni”.

“Più che di una convenzione continua Franza – sarebbe meglio parlare di una naturale unione tra imprenditori e Pubblica Amministrazione che, puntando esclusivamente sul grande potenziale offerto dalla Sicilia, hanno deciso di unire le proprie forze al servizio del territorio, delle imprese e di tutta la cittadinanza”.