Piove ininterrottamente in provincia di Catania dove si registrano già i primi disagi causati dal maltempo. Ad Acireale, dove in sette ore sarebbero caduti circa 117 millimetri di pioggia, la protezione civile comunale e i vigili urbani hanno segnalato l’esondazione del torrente  Lavinaio-Platani in corrispondenza della via Anzalone e della via Rapallo, fenomeno che ha comportato l’allagamento e l’accumulo di detriti nelle zone limitrofe.

Inoltre è crollato un muro di sostegno di un terreno agricolo privato lungo la via Provinciale per Risposto tra Acireale e Santa Maria La Scala. Dal Comune di Acireale raccomandano di evitare di stazionare nelle aree prossime ai torrenti e invitano alla cautela nel transito in piazza Agostino Pennisi, via delle Terme, via Agrumicoltura, via San Girolamo, via Provinciale per Risposto, via Provinciale per Santa Maria Ammalati, viale Cristoforo Colombo, via Caronia e nella frazione di Aci Platani, dove nelle scorse ore si sono registrate le maggiori criticità.

Problemi anche alla zona industriale di Catania dove, come segnala il delegato di Confcommercio, Fabio Impellizzeri, si registrano allagamenti così gli imprenditori lanciamo sollecitano l’amministrazione ad intervenire.

“Ho chiamato l’ASI stamattina – riferisce Fabio Impellizzeri in una nota – e mi hanno risposto che un geometra è in giro per la zona industriale a verificare lo stato dei canali. Tutto ciò è paradossale! La situazione è nota a tutti, non c’è nulla da scoprire. Gli interventi vanno fatti prima delle piogge, i canali vanno ripuliti e la manutenzione deve essere costante. Proprio per evitare le esondazioni in queste situazioni e le conseguenze disastrose”.