“Dopo ruberie, fallimento e sfascio di Amia è nata la Rap, salvaguardando lavoratori e dando vita ad una azienda sana che sta rendendo e renderà servizi sempre più efficienti. Dopo ruberie, insolvenza e sfascio di Gesip è nata la ReSeT, società consortile che salva i livelli occupazionali e che può e deve divenire una azienda di respiro metropolitano per rendere servizi essenziali ed efficienti per la vivibilità delle città. Un’altra buona pratica ormai modello in campo nazionale di come sia possibile uscire dal tunnel della mala amministrazione”.

Così il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando commenta l’approvazione del consiglio comunale dello statuto della società ReSeT, ex Gesip, avvenuta nella tarda serata di ieri.

“Vi è ancora molto da fare – dice Orlando – ma adesso anche per Palermo e per ReSeT si apre una stagione certamente di difficoltà ma anche di prospettiva positiva, in un paese dove ruberie e mala amministrazione, a cominciare dalla Capitale, producono licenziamenti e disservizi”.