La deputata Claudia Mannino, portavoce del M5S e membro della commissione Ambiente della Camera, ha effettuato ieri un’ispezione al mercato ortofrutticolo di Partinico su invito dei cittadini e degli attivisti del meetup m5s locali, stanchi di vedere un bene pubblico abbandonato a se stesso e circondato da rifiuti (prevalentemente organici) abbandonati spesso dagli stessi clienti della struttura che lasciano il “non venduto” nel piazzale antistante.

L’ispezione era stata preventivamente comunicata, tramite il centralino del Viminale al sindaco, che non ha potuto partecipare alla “visita” poiché si trovava a Palermo.

“Reputo – ha detto la portavoce – un enorme spreco ed un’opportunità persa, lasciare questa struttura nello stato attuale. Una semplice programmazione finanziaria ed un coordinamento con i territori circostanti potrebbero garantire una rilevante economia locale circolare in cui i coltivatori del comprensorio potrebbero mettere in vendita i propri prodotti ed i negozianti e cittadini, non solo di Partinico ma di tutti i comuni circostanti, avere un luogo dove trovare sempre prodotti freschi locali ed a chilometri zero”.

Un obiettivo che la deputata, insieme agli attivisti partinicesi e a quelli del circondario cercherà di realizzare, mettendo attorno ad un tavolo amministratori locali, agricoltori, negozianti e cittadini per portarli a condividere un impegno programmatico a media scadenza che permetta anche il completamento dei lavori necessari a rendere funzionale ed efficiente la struttura, nonché la viabilità di collegamento necessaria.

“Il disperato e grossolano tentativo di pulizia del sito alla notizia del mio arrivo – ha commentato Claudia Mannino – la dice lunga sul cronico stato di degrado, in cui un mix di rifiuti, scarti edili, copertoni abbandonati, basole divelte ed alte erbacce ed arbusti caratterizzano i luoghi circostanti la struttura”.