Approvato l’elenco delle imprese localizzate nelle Zone franche urbane dei Comuni della Sicilia. Gli incentivi alle imprese, sotto forma di esenzioni fiscali e contributive, ammontano a 181.785.861,13 euro.

Lo ha stabilito il decreto del direttore generale del ministero dello Sviluppo economico. L’intervento prevede la concessione di agevolazioni, in favore di imprese di micro e piccola dimensione localizzate nelle Zone franche urbane delle regioni dell’Obiettivo Convergenza. Un’area che comprende la Sicilia insieme a Campania, Calabria, Puglia e Basilicata e alcune aree del Sardegna.

Le domande di accesso alle agevolazioni sono state presentate a partire dalle 12 del 5 marzo 2014 e fino alle ore 12 del 23 maggio 2014, esclusivamente tramite una procedura telematica che ha consentito di concludere rapidamente l’iter di concessione.

Le risorse disponibili per la regione Sicilia sono state ripartite tra le 6.683 progetti pervenute per le 18 Zfu.

In provincia di Catania sono due le Zfu: Catania con 214 progetti che posso contare su un importo medio per impresa pari a 86.348,37 euro; Aci Catena dove sono 163 per 54.713,37 euro, Acireale con 671 per 15.264,51 e Giarre con 293 per 21.199,89 euro.

In provincia di Palermo c’è l‘area del porto del capoluogo con 159 progetti per un importo medio per impresa di 31.130,33 euro e quella del quartiere periferico di Brancaccio con 159 istanze e un importo di 79.773,19 euro. Poi c’è Termini Imerese con 449 progetti e 17.661,55 euro per azienda e Bagheria con 454 per 25.959,34 euro a impresa.

In provincia di Messina la zona industriale della città dello Stretto conta 792 progetti per un importo medio per azienda di 20.110,37 euro. Mentre a Barcellona Pozzo di Gotto le istanze sono 566 per 15.845,03 euro a impresa.

In provincia di Trapani, la zona franca urbana del capoluogo conta 480 progetti per un importo medio per azienda pari a 15.237,64 euro. Mentre a Castelvetrano sono 110 per 79.807,96 euro. A Erice sono 121 per 64.422,10 euro.

In provincia di Caltanissetta c’è soltanto la Zfu di Gela con 418 istanze e 33.124,89 di agevolazioni per impresa.

In provincia di Agrigento ci sono la zona franca urbana di Sciacca con 343 progetti per 23.728,25 euro ad azienda e quella di Lampedusa e Linosa con 382 progetti per un importo di 18.622,08 euro.

In provincia di Enna c’è la sola zona franca urbana del capoluogo con 196 progetto presentati per un importo medio di 38.201,39 euro.

In provincia di Ragusa c’è Vittoria con 525 progetti e 17.835,08 euro a impresa.

La variabilità dell’importo medio concesso è dovuta al rapporto tra l’ammontare delle risorse disponibili per l’intervento e l’ammontare del risparmio d’imposta e contributivo richiesto complessivamente dalle Imprese.

Le agevolazioni concesse saranno fruibili con il modello di pagamento F24, secondo le modalità e nei termini indicati con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate, per il pagamento delle imposte sui redditi (Irpef, Irs), dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap), dell’imposta municipale propria (Imu) e per l’esonero dal versamento dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente.