“‘Golden circus’ è una operazione dalla portata straordinaria perché, con un lavoro di altissimo livello portato avanti dalla Polizia di Stato di Palermo, con il coordinamento dei magistrati, un intreccio criminoso tra imprenditori circensi, dipendenti pubblici corrotti e crimine organizzato, è stato portato alla luce e smantellato”.

E’ il commento del Ministro dell’Interno nonché vice premier Angelino Alfano agli arresti eseguiti oggi dalla squadra mobile di Palermo che ha accusato impresari e proprietari di noti circhi di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

“Accanto alla grande soddisfazione per un altro successo della ‘Squadra Stato’ – dice Alfano – in cui ognuno gioca, nel proprio ruolo, una parte da protagonista, c’è l’amarezza nello scoprire ancora delle falde fragili della società, degli apparati pubblici, che si prestano a meccanismi efferati. Su questo siamo e saremo inflessibili perché nessuna fessura deve essere lasciata aperta ai criminali”.

“Questa operazione è ancora più importante – conclude – perché fa pulizia in un ambito delicato, come quello dell’immigrazione, dove si fa leva sui dolori e sulle difficoltà delle persone per i loschi affari di gente senza scrupoli”.