Il rappresentante legale di una società di costruzioni è finito ai domiciliari perché accusato di avere allacciato abusivamente alla condotta idrica diverse abitazioni riconducibili proprio all’azienda. L’accusa contestata è furto aggravato continuato.

Secondo quanto scoperto dai carabinieri ad Aci Catena, che hanno operato assieme al personale tecnico dell’azienda Acque di Casalotto, sarebbero stati bypassati i contatori con attacchi diretti alla fornitura di distribuzione dell’acqua, comportando alla società erogatrice un danno economico di oltre 125.000 euro.

Oltre all’uomo finito ai domiciliari sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Catania anche tre componenti e soci del consiglio d’amministrazione della ditta edile.