“In Sicilia, la regione italiana con più carceri, c’è un tasso di
affollamento tale da rendere la vita difficilissima per chi sconta una
pena detentiva nonostante una minor presenza di stranieri nelle case
circondariali”. Questo l’allarme lanciato dal Presidente di Antigone
Patrizio Gonnella che oggi a Catania ha fatto il bilancio della
pesante condizione degli istituti penitenziari isolani non
dimenticando i casi di suicidio e delle morti in carcere, tanto
discusse, come quello del giovane catanese Carmelo Castro