Sale la tensione in Sicilia per il nulla di fatto, ancora, sul fronte degli ammortizzatori sociali in deroga del 2014. Non c’è ancora , infatti, la firma del ministro dell’economia Padoan in calce al decreto interministeriale per lo sblocco di 106 milioni di risorse Pac destinate al saldo delle istanze dell’anno scorso.

Una manifestazione si è svolta oggi a Catania, un’altra si terrà domani ad Agrigento. “Se davvero il Sud è una priorità per il governo Renzi- dice Monica Genovese, della segreteria della Cgil Sicilia- uno dei primo atti può essere lo sblocco del decreto, già firmato dal ministro del lavoro e destinato a dare ossigeno a 9.000 lavoratori licenziati, che aspettano ormai da mesi”.

Se il governo nazionale perde ancora tempo sul 2014, non va meglio per quanto riguarda il fronte regionale e il 2015. “ Non c’è ancora una programmazione- denuncia Genovese- per ripartire i 24 milioni assegnati alla Sicilia per il 2015 dando il via al pagamento delle istanze. Nella situazione data, con l’allarme sociale alle stelle- conclude l’esponente della Cgil- tutto ciò è inammissibile”.