I lavori di messa in sicurezza del Collegio San Rocco di Palermo, sede della facoltà di Scienze Politiche, iniziati a fine agosto, proseguono sino a data da destinarsi. Così come la chiusura di parte di via Maqueda, interdetta alle automobili e che provoca non pochi disagi a chi deve attraversare il centro città.

Tra chi punta il dito contro un cantiere che procede assai a rilento, anche i commercianti della zona che lamentano il crollo delle vendite.

Da quando sono iniziati gli interventi di consolidamento della copertura del tetto del Collegio San Rocco, gli esercenti di via Maqueda hanno subito un ridimensionamento delle vendite pari al 50%: chiediamo al Comune di intervenire prontamente sia adottando misure temporanee di alleggerimento delle tasse sia attraverso il potenziamento delle aree nelle quali parcheggiare gratuitamente, per incentivare i clienti e ridare così fiato all’economia della zona”.

La richiesta è del presidente provinciale della Confederazione Italiana degli Esercenti Commercianti Salvatore Bivona, a seguito delle numerose manifestazioni di disagio da parte degli iscritti in merito alla chiusura del tratto di strada interessato dai lavori, con particolare riferimento ai commercianti del settore abbigliamento.

“Via Maqueda – conclude Bivona – è una delle poche aree cittadine ancora caratterizzate da una certa vivacità commerciale e produttiva: i lavori ad un edificio, seppur necessari, non possono ostacolare lo svolgimento delle attività ordinarie”.