“Impugneremo la decisione del Tar al Consiglio di Stato, ho chiesto all’ufficio studi di valutarne i presupposti e la fondatezza”. Lo ha detto il vice presidente del Consiglio superiore della magistratura Giovanni Legnini, a margine di un convegno a Roma di magistratura indipendente, commentando l’annullamento deciso dal Tar Lazio della nomina di Francesco Lo Voi come procuratore di Palermo. Il Tribunale ha accolto i ricorsi presentati dai procuratori di Caltanissetta Sergio Lari e di Messina Guido Lo Forte.

“Ci muoveremo in questa direzione – ha spiegato – essendo nostro dovere difendere l’autonomia di valutazione del Csm prevista dalla Costituzione e dovendo assicurare guida sicura e continuità a una delle più importanti procure italiane”.