“E’ un’importante operazione antidroga in un quartiere strategico come la Guadagna, provvede non solo alle esigenze della citta’ ma anche della periferia. Palermo si conferma oggi una importante piazza di spaccio e di traffico per tutta la Sicilia“. Lo ha detto il Procuratore capo di Palermo, Francesco Messineo commentando la maxi operazione antidroga dei Carabinieri di Palermo che hanno arrestato 43 persone.

“Questa operazione chiude una serie di arresti in flagrante – dice – sono stati usati mezzi previsti dalla legge come il ritardato arresto e sequestro”. Alla domanda se emerge l’avallo di Cosa nostra dall’operazione, Messineo dice: “non emerge in modo evidente anche se c’è qualche soggetto che offre delle parentele precedenti. Ma la cosa non sorprende, perché le indagini da cui ha preso le mosse l’inchiesta risalgono ad anni fa. Per cui la nuova attenzione di Cosa nostra può non essere presente”.

Leggi anche

“Mio padre vende il fumo”. Così scatta l’operazione “Araba Fenice”

Operazione “Araba Fenice” I nomi degli arrestati