Il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, ha sollevato alcuni dubbi sulle entrate contenute nel bilancio di previsione, in discussione in aula, e che è in corso di approfondimento da parte degli uffici dell’Assemblea.

Aprendo la seduta parlamentare, Ardizzone ha richiamato “come prioritaria ed essenziale la necessita’ di un esame rigoroso delle entrate iscritte in bilancio sulla base di una relazione tecnica che espliciti in maniera analitica e puntuale criteri di quantificazione e fondatezza delle previsioni, integrando le indicazioni di massima contenute nella relazione tecnica depositata dal governo”.

“Solo partendo da questo elemento di certezza – ha detto Ardizzone – potrà essere articolata l’intera manovra, con la dovuta attenzione ai limiti e alle regole di copertura finanziaria delle maggiori spese della finanziaria, alle quantificazioni di quei capitoli strategici e di quelle appostazioni obbligatorie che, per loro natura, sono essenziali per garantire la salvaguardia degli equilibri di bilancio”.

“Confido nel senso di responsabilità di tutti quanti, e mi adopererò in tal senso nell’esercizio delle prerogative della Presidenza, perchè questo lavoro possa essere svolto nella maniera più proficua e nel rispetto dei tempi che si siano dati”.

Ardizzone ha sottolineato “la particolare complessità e delicatezza del lavoro che ci accingiamo a svolgere sui documenti di bilancio della Regione”. “Una manovra – ha avvertito il presidente dell’Ars – che si svolge entro un contesto finanziario e sociale che sconta difficolta’ e tensioni che non sfuggono a nessuno di noi“.

“La decisione della conferenza dei presidenti dei gruppi parlamentari di completare l’esame dei documenti finanziari secondo un calendario compatibile con l’obiettivo di non fare ricorso all’esercizio provvisorio – ha proseguito – impone una disciplina molto stretta sui tempi e sulle modalità di svolgimento dei nostri lavori”.

Aggiungendo che i tempi stretti tuttavia “non debbono impedire all’aula un confronto approfondito e completo sulle problematiche fondamentali che la manovra finanziaria è chiamata ad affrontare”.

“Il primo dei problemi che condiziona tutti gli altri – ha sottolineato Ardizzone – è naturalmente quello delle risorse del bilancio” .

“Sulle entrate del bilancio siamo assolutamente tranquilli, così come accadde l’anno scorso faremo una relazione tecnica dettagliata in particolare sui piccoli cespiti come i canoni demaniali”, ha commentato l’assessore regionale all’Economia Luca Bianchi sospesa la seduta dell’Ars.

L’esame di bilancio e legge di stabilità proseguirà martedì prossimo con la discussione generale no-stop fino al varo definitivo.