Continuano senza sosta i servizi antidroga del comando provinciale di Palermo che hanno portato all’arresto di altre tre pusher in luoghi e circostanze diverse.

GUARDA I VOLTI DEGLI ARRESTATI

I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di piazza Verdi, in via Garraffaello, vicino al mercato storico della Vucciria, hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, Simone Mistretta, nato a Palermo, di 33 anni, disoccupato. I carabinieri lo hanno visto cedere consegnare a un altro ragazzo la sostanza stupefacente, lo hanno fermato e perquisito, trovando 20 grammi di hashish, già suddivisi in dosi. L’arrestato è stato sottoposto ai domiciliari.

In via XXVII maggio, nel quartiere Sperone, i carabinieri della stazione Acqua dei Corsari, hanno arrestato  Francesco Tinnirello, nato a Palermo, 29 anni,  disoccupata, volto noto alle forze dell’ordine, già sorvegliato speciale per reati specifici di spaccio. Tinnirello è stato sorpreso a cedere due dosi di hashish ad un 30enne palermitano, a sua volta segnalato alla Prefettura. A seguito della perquisizione locale e personale è stato trovato in possesso di 20 dosi di hashish per un peso di 37 grammi e 8 dosi di cocaina per un peso di 4 grammi. L’arrestato è stato tradotto presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

Per ultimo, sempre i carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Piazza Verdi, in via Nunzio Nasi, nel quartiere Ballarò, hanno arrestato, Eduardo Premuda, nato a Palermo, di 43 anni, disoccupato. Premuda a seguito della perquisizione personale è stato trovato in possesso di 2,4 grammi di hashish, occultati in un pacchetto di sigarette e di 6 grammi di marijuana occultata in un pacchetto di fazzolettini, nonché della la somma contante di 115 euro ritenuta provento dell’illecita attività. L’arrestato è ai domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo.

Tutta la sostanza stupefacente recuperata nel corso delle tre operazioni antidroga è stata posta sotto sequestro ed inviata al laboratorio analisi del L.A.S.S. del comando provinciale di Palermo, per le analisi quantitative e qualitative.