Aveva trasformato gli esercizi commerciali di Corso Olivuzza nel suo bancomat privato. Girava con un coltello a serramanico e li rapinava con assoluta naturalezza.

La Polizia di Stato ha arrestato Giuseppe La Vattiata, 28enne palermitano, poiché accusato di aver compiuto 3 rapine ad esercizi commerciali di corso Finocchiaro Aprile, nel ristretto arco di tempo che va dal 28 agosto all’11 ottobre 2014.

I poliziotti della sezione “Investigativa” del Commissariato di P.S. “Zisa-Borgo Nuovo” e della Squadra Mobile, hanno dato esecuzione ad un provvedimento di Custodia Cautelare Domiciliare, emesso dal Gip del Tribunale di Palermo, Fabio Licata. Secondo le indagini della polizia La Vattiata dovrebbe essere il responsabile del clima di paura dagli esercenti di Corso Camillo Finocchiaro Aprile.

In tutti e tre i casi ad agire fu un rapinatore, in solitario: il 28 agosto, un assalto all’esercizio “Golden Point”, che fruttò 110 euro; il 4 ottobre una rapina allo stesso esercizio che fruttò 100 euro e, l’11 ottobre, un assalto a “Bottega Verde” dalle cui casse furono sottratti 260 euro. Due dei tre assalti furono portati a termine con la minaccia di un coltello.

La profonda conoscenza del territorio e dei criminali da parte dei poliziotti palermitani, e la visione delle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza, ha permesso di risalire al rapinatore.

La foto del rapinatore è stata mostrata ad alcune delle vittime che avrebbero riconosciuto il loro aggressore. La Vattiata è agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico.