Ben  mezzo milioni di euro in banconote da 10 euro del nuovo conio false. E’ quanto sequestrato dalla Guardia di Finanza della Polizia valutaria insieme ai baschi verdi di Napoli.

Le banconote sembra fossero destinate al mercato  del sud Italia isole comprese dove sarebbero state portate da un insospettabile milanese. Si tratta del primo sequestro di banconote della nuova serie mai effettuato in Europa.

Il sequestro è scattato a carico di un 39enne milanese, bloccato al termine di un inseguimento nelle strade di Casoria nel napoletano. L’uomo era stato notato alla guida dell”auto dai militari in servizio di perlustrazione del territorio; affiancato dai finanzieri che gli hanno intimato l”alt, il 39enne ha risposto dando il via a una fuga ad alta velocità che si è conclusa dieci minuti dopo con uno speronamento all”auto delle Fiamme Gialle.

Dopo aver immobilizzato il fuggitivo ed effettuato le perquisizioni di rito sulla persona e sull’auto, sono state ritrovate all’interno del bagagliaio 4 scatole di cartone contenenti oltre 500mila euro nel taglio da 10. Gli accertamenti effettuati sulle banconote hanno permesso di constatarne la pregevole fattura, in grado di ingannare facilmente chiunque ne fosse venuto in possesso.

A stupire i finanzieri non tanto l”importo quanto il fatto che si tratta di banconote false della nuova serie Europa introdotta dalla Bce appena dal settembre 2014, con nuove caratteristiche di sicurezza proprio per contrastare il fenomeno del falso ampiamente diffuso in tutti i Paesi dell”Unione.

Secondo la Guardia di Finanza, è indicativo che il sequestro sia avvenuto nell’hinterland partenopeo dove la produzione italiana di banconote false meglio nota come ‘Napoli Group’ ha radici storiche.

L’arrestato è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Napoli Nord che ha assunto la direzione delle indagini.