Venerdì 31 luglio alle ore 19:30 Lorenzo Scotto di Luzio inaugura all’oratorio di san Mercurio di Palermo (largo san Giovanni degli Eremiti) Sacrosanctum#5.

Muovendosi sul filo del paradosso e del fantastico, le opere di Scotto di Luzio demitizzano i vuoti compiacimenti del mondo dell’arte mostrandoci una realtà tragicomica ed estraniante. Il reale si piega all’antinomia, rivelandoci una dimensione parodistica, non scevra di ironia e paradigmatica concretezza. Scisso tra radicalismo e distaccato humour, Scotto di Luzio ci presenta un quotidiano avulso da ripetitività e da monotoni automatismi, inducendoci a riconsiderare il nostro rapporto con l’ambiente e la società.

Lorenzo Scotto di Luzio si confronta qui con il sacro. Scegliendo un grafismo puro e icastico, sembra ora smascherare l’incertezza della nostra esistenza ora condurci a nuove e inusitate rivelazioni, un caleidoscopio emozionale che contiene in sé una incorrotta forza evocativa.

La rassegna, promossa dall’associazione Amici dei Musei Siciliani e curata da Adalberto Abbate e Maria Luisa Montaperto vuole porsi come un terreno di scambio e di confronto tra l’arte e i suoi fruitori, chiamati in causa dagli stessi artisti a intervenire senza complesse intermediazioni sul delicato tema della tutela e della valorizzazione dei beni monumentali.

Nato a Pozzuoli (NA) nel 1972, Lorenzo Scotto di Luzio vive e lavora a Berlino. La sua sperimentazione artistica ha spaziato dalla Body Art al Multimediale, includendo scultura, disegno, fotografia, installazione e performance. Dal 1996 ha partecipato a numerose collettive (presso Napoli, Roma, Trevi, Caserta, Bologna, NY, Prato, Milano, Aosta, Bari, Londra, Torino, Bruxelles, Vienna e Zagabria) e a svariate personali, quali Besser einkaufen besser leben (Galleria Fonti, Napoli, 2014); Senza Titolo (KROME Gallery, Berlino, 2012); FRAME (Frieze Art Fair, Londra, 2010); Se il mio cervello fosse un canestro (Galleria Fonti, Napoli, 2010); Black Pearls (Galleria Emilio Mazzoli, Modena, 2009); Untitled (Ancient&Modern Gallery, Londra, 2008); Tableaux Vivant (Museo Madre, Napoli, 2007); Mondo fantastico (Galleria Fonti, Napoli, 2004); Lorenzo Scotto di Luzio Interpreta Luigi Tenco (Galleria Antonio Colombo Arte Contemporanea, Milano, 2003); Love me tender (Galleria Antonio Colombo, Milano, 2002); Cool Memories (Galleria T293, Napoli, 2001); Understatement (Galleria ES, Torino, 2000); Istanteternanee (Jangva Gallery, Helsinki, 2000); Op-Là (Galleria De Crescenzo e Viesti, Roma, 1999); Cheese (Magazzino d’Arte Moderna, Roma, 1997); Senza titolo (Galleria Vera Vita Gioia, Napoli, 1996).

Esposizione: 31 luglio – 25 agosto 2015, visitabile tutti i giorni dalle 10:00 alle 18:00
Prezzo: offerta libera a partire da € 1 per la realizzazione di interventi di ripristino, manutenzione e restauro all’interno di monumenti palermitani.

Info: info@amicimuseisiciliani.it / 091 6118168

Ticket: € 3,00 intero; € 2,00 ridotto. Cumulativo con l’oratorio di san Lorenzo