Verbali per i parcheggiatori abusivi. È successo a Catania, in piazza Dante, dove già da tempo si può lasciare la propria auto sui  marciapiedi o in doppia fila: basta pagare.

Blitz della polizia stamani che ha elevato  verbali a tre posteggiatori abusivi, che non hanno potuto fare a meno di protestare perché la loro è “una semplice attività per guadagnare il pane”.

C’è chie riuscito a scampare, nascondendosi. Mentre altri hanno firmato la documentazione della polizia, nonostante al momento dei verbali fossero impegnati a fare tutt’altro: “Io non sto lavorando, sto prendendo il sole!”. Casualmente, proprio pochi minuti prima, alcune autorità del Comune di Catania, tra cui lo stesso sindaco Bianco, avevano attraversato piazza Dante per recarsi al Monastero in occasione delle esequie del prof. Giarrizzo, ex preside della Facoltà di Lettere e filosofia.

In realtà, in questi giorni, sono aumentati i controlli nella zona. Complici degli interventi della polizia sono sicuramente gli studenti del Dipartimento di Scienze Umanistiche che hanno riportato l’attenzione sul problema, lanciando una campagna social con gli hashtag #monasteroabusivo #noncisto. Va detto che molti automobilisti, che si sono sempre fidati del posteggiatore di turno e, anche dopo aver lasciato qualche moneta, hanno poi trovato una multa.

Gli interventi serviranno sicuramente a rallentare l’attività dei parcheggiatori, ma forse non risolveranno del tutto il problema. Nel frattempo, oggi chiunque ne può approfittare parcheggiando tranquillamente in piazza Dante, dato che per il momento i posteggiatori sembrerebbero essere quasi scomparsi.