lunedì - 21 agosto 2017

 

Il suo nome è "Serratia liquefaciens"

Pianeta Marte, un batterio umano potrebbe sopravvivere

Nella ricerca della Vita nell’Universo, si sa, spesso si parla di batteri terrestri che riescono a sopravvivere e progredire in ambienti ostili, apparentemente “non adatti” alla vita. Anche con questa speranza si scandaglia attualmente il pianeta Marte, alla ricerca di un batterio “ostile”.

0 condivisioni

l'evento

Piccoli astronomi crescono,
successo a Palermo per Astrokids

Domenica scorsa si è svolto alla Feltrinelli di Palermo, un altro incontro “Astrokids” con i bambini della città da 4 a 11 anni. L’Inaf Osservatorio Astronomico di Palermo ha ormai instaurato un appuntamento periodico con i più piccoli, un esperimento che funziona.

0 condivisioni

importante scoperta astronomica

Ci sono “almeno 100 miliardi di pianeti nella nostra galassia”

A questa conclusione sono arrivati gli astronomi del California Institute of Technology (Caltech), ennesima testimonianza che i sistemi planetari sono la norma cosmica. Il team ha fatto la stima durante l’analisi dei pianeti in orbita intorno ad una stella chiamata Kepler-32.

0 condivisioni

astronomia

Tau Ceti, la stella sorella del Sole

Dista solo 12 anni luce e sembra avere tutte le caratteristiche per essere nominata “sorella” del nostro Sole: ecco Tau Ceti, nella costellazione della Balena.

0 condivisioni

nessuna bufala solo notizie

Il meteorite è una pietra?
No, forse un pezzo di legno

La paura di cadere nel tranello della solita bufala, non deve far passare nel silenzio una notizia che, se vera, può dare molte informazioni importanti. Il caso di Brancaccio è un esempio

0 condivisioni

il giallo di brancaccio

“Se fosse un meteorite la pietra trovata a Brancaccio varrebbe oro”

Ogni anno cadono sul nostro pianeta circa 40.000 tonnellate di piccoli asteroidi e comete; in genere sono particelle di dimensione inferiore al millimetro.

0 condivisioni

astronomia

In attesa di una "scoperta eccezionale" su Marte

Qualche giorno fa si è sparsa la voce (comunque fondata) che la Nasa nei prossimi giorni farà un annuncio “colossale” riguardo una recentissima scoperta del robot Curiosity che in questo periodo scorazza nel territorio Marziano. La cosa più logica che si aspettano un pò tutti è l’annuncio della scoperta di “Vita” sul pianeta rosso. Ovviamente non Vita nel senso stretto della parola ma molecole organiche, ovvero composti anche di carbonio, elemento alla base dell’unica Vita che attualmente conosciamo.

0 condivisioni

la scoperta

Osservata la galassia più distante dell'universo

La Nasa e l’Esa hanno scoperto la galassia probabilmente più lontana nell’Universo sino ad ora mai osservata. Si trova a 13,3 miliardi di anni luce, pari quindi all’età che l’Universo aveva dopo appena 420 milioni di anni dal Big Bang.

0 condivisioni

l'analisi

Perché non esiste la Razza umana

Tutti sappiamo cosa significa razzismo, e tutti (o quasi) ci sentiamo sdegnati quando ancora oggi assistiamo a scene o situazioni dichiaratamente razziste. Ma in sostanza, sappiamo di cosa stiamo parlando?

0 condivisioni

la scoperta

C'è un pianeta come la Terra

Gli astronomi europei hanno scoperto un pianeta di massa simile a quella della Terra in orbita intorno a una stella del sistema di Alfa Centauri – il più vicino alla Terra. È anche l’esopianeta più leggero mai scoperto intorno a una stella simile al Sole.

0 condivisioni

la scoperta

C’è un pianeta come la Terra

Gli astronomi europei hanno scoperto un pianeta di massa simile a quella della Terra in orbita intorno a una stella del sistema di Alfa Centauri – il più vicino alla Terra. È anche l’esopianeta più leggero mai scoperto intorno a una stella simile al Sole.

0 condivisioni

il caso

Per lo scienziato Robert Lanza
la morte non esiste

Non è questione religiosa. Non si vuol parlare di misticismo o anima o altro: si parla di scienza. Almeno questo è quello che scrive Robert Lanza, professore alla Wake Forest University School of Medicine, considerato uno dei più grandi scienziati del mondo.

0 condivisioni

il caso

Per lo scienziato Robert Lanza
la morte non esiste

Non è questione religiosa. Non si vuol parlare di misticismo o anima o altro: si parla di scienza. Almeno questo è quello che scrive Robert Lanza, professore alla Wake Forest University School of Medicine, considerato uno dei più grandi scienziati del mondo.

0 condivisioni

oggi a palazzo steri

A Palermo la notte della Luna

L’Inaf Osservatorio Astronomico di Palermo, organizza una serata di osservazioni della Luna dal Cortile Abatelli e dal Cortile Tabacchi di Palazzo Steri.

0 condivisioni

da Sky & Telescope

Probabile impatto sul pianeta Giove

Lo scorso 10 settembre, poco prima dell’alba, due astrofili americani mentre osservavano con i loro strumenti il pianeta Giove, sono stati testimoni di un probabile impatto sulla superficie del pianeta.

0 condivisioni

due pianeti orbitano attorno a una coppia di stelle

Il telescopio spaziale Keplero
scopre un nuovo sistema planetario

Il sistema, denominato Kepler-47, ospita i più piccoli pianeti circumbinari orbitanti attorno a una coppia di stelle. I pianeti sono stati scoperti utilizzando il telescopio spaziale della NASA “Kepler”, monitorando la debole caduta di luminosità prodotta quando entrambi i pianeti transito (eclissi) davanti alla stella.

“A differenza di un singolo pianeta orbitante attorno a una stella singola,

0 condivisioni

il fenomeno delle stelle cadenti

Le ‘lacrime’ di San Lorenzo

Anche quest’anno, dal 10 al 12 agosto, sarà possibile ammirare le famose “Lacrime di San Lorenzo”, lo sciame di meteore che passerà sui nostri cieli notturni, le famose stelle cadenti.

0 condivisioni

scienza

Ormai è certo: discendiamo
dagli scimpanzé

Un team internazionale di ricercatori ha sequenziato per la prima volta il genoma del bonobo, una scimmia antropomorfa meglio nota come scimpanzé pigmeo o scimpanzé nano, confermando che condivide la stessa percentuale del suo DNA con noi.

0 condivisioni

novità dalla nasa

Un nuovo supercomputer
per la ricerca sulla Terra

La Nasa sta per aprire un nuovo capitolo nella tecnologia dei supercomputer. Un nuovo sistema chiamato NASA Terra Exchange (NEX) permetterà agli scienziati di affrontare le sfide globali delle scienze della terra con osservazioni satellitari ad alta risoluzione elaborate da supercomputer di potenza incredibile.

0 condivisioni

nuova scoperta

Individuate alcune galassie oscure dell’Universo primordiale

Per la prima volta sono state individuate delle galassie oscure. Questi oggetti sono sostanzialmente galassie ricche di gas, ma senza stelle. Utilizzando il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO, un’equipe internazionale ha rivelato questi oggetti sfuggenti osservando la luce da essi emessa quando vengono illuminati da un quasar.

0 condivisioni
Digitrend s.r.l.