Sette brillanti laureati avranno la possibilità di ottenere dalla Banca d’Italia una cospicuo finanziamento per il perfezionamento degli studi e l’assunzione in esperimento nel grado di Coadiutore.

La Banca centrale italiana ha infatti messo a concorso sette borse di studio destinate a studi all’estero o in Italia nei campi dell’economia politica e politica economica (tre posti), delle metodologie matematiche, statistiche ed econometri che (due posti) e delle interrelazioni tra crescita economica ed ordinamento giuridico nonché degli impatti della regolamentazione sulle attività economiche (due posti).

Le borse comportano l’obbligo della frequenza per l’anno accademico 2014/2015 di un corso universitario di perfezionamento, di durata prevista non inferiore a 9 mesi, a scelta dal candidato.

Ecco i requisiti per partecipare ai concorsi per l’assegnazione delle borse:

– cittadinanza italiana o di un altro Stato membro dell’Unione Europea;
– laurea specialistica/magistrale ovvero laurea quadriennale o di durata superiore conseguita successivamente al 31 luglio 2011 – con un punteggio non inferiore a 110/110 – presso un’università o un istituto superiore italiani;
– ottima conoscenza della lingua straniera utilizzata nei corsi universitari prescelti per la fruizione della borsa.

Ai soggetti selezionati verrà erogato l’importo lordo di 24mila euro, oltre al pagamento delle tasse universitarie e dell’eventuale alloggio.

Al termine dell’anno accademico, gli assegnatari e i candidati più meritevoli potranno essere contattati dalla Banca d’Italia per sostenere una specifica prova d’esame per l’assunzione in esperimento nel grado di Coadiutore.

Chi volesse inoltrare la propria candidatura potrà farlo compilando il form online sul sito della Banca entro il prossimo 10 ottobre.

Tutti i dettagli sulla procedura selettiva sono disponibili sul bando di concorso.