Ancora controlli anti-caporalato nelle campagne della provincia di Catania dove i carabinieri hanno scoperto 18 lavoratori stranieri che operavano in nero, denunciato due imprenditori e sospeso due imprese.

Nello specifico i militari assieme a agli Ispettori del lavoro, durante un controllo nella zona di Mazzarrone, in provincia di Catana, hanno scoperto in un’azienda impegnata nella raccolta di uva, 16 lavoratori in nero su 16 presenti dei quali 15 albanesi ed una cittadina ucraina, erano muniti di passaporto e visto turistico.

I titolari sono stati denunciati per non aver comunicato l’assunzione dei cittadini stranieri allo sportello unico dell’immigrazione. In un’altra azienda della stessa zona sono stati scoperti due lavoratori in nero su 4 presenti.

Complessivamente sono state contestate sanzioni amministrative per 146.000 euro e recuperati contributi e premi assistenziali per 10.000 euro.