Venticinque pattuglie della Guardia di Finanza composte da 75 baschi verdi dalle prime luci dell’alba setacciano le aziende agricole di Siracusa e Cassibile che sorgono in un’area agricola di ben 90 ettari.

L’operazione è mirata al contrasto del caporalato e del lavoro nero . Secondo le notizie raccolte durante una attività investigativa, infatti, sarebbero concentrate in quest’area alcune delle aziende che sfruttano intere famiglie di extracomunitari sottopagati ed in condizioni di vita inaccettabili. L’operazione mira a cogliere sul fatto le aziende non in regola.

Nel territorio della provincia di Siracusa sono 13.550 gli stranieri residenti oltre ai clandestini per questo non censiti. Solo fra Siracusa e Cassibile ce ne sono circa 5000 ed una porzione importante di essi rischia di cadere, per esigenza, nella rete dei caporali e dunque dello sfruttamento