“Anche quest’anno i genitori degli alunni siciliani hanno dovuto anticipare somme consistenti per l’acquisto dei libri scolastici, in attesa dei buoni libro su cui oggi non c’è alcuna certezza. E’ una vergogna – dice Vincenzo Romeo, presidente di Adiconsum Sicilia- che si ripete da anni e che oggi diventa un’emergenza perché non tutti i nuclei familiari, a causa della difficile congiuntura economica, possono sopportare questa spesa, col risultato che cresce l’abbandono scolastico. Sarà sempre troppo tardi, quando le istituzioni regionali a tutti i livelli comprenderanno che l’istruzione è un diritto non un privilegio e che come tale deve essere garantito con strutture e servizi idonei, a partire dall’erogazione in tempi brevi dei buoni libro”.

Ricordiamo ai genitori – continua Romeo – di conservare tutta la documentazione relativa all’acquisto dei libri di testo, in modo da presentarla agli esercenti dopo che saranno stati erogati i buoni libri e i cedolini”.

“Chi volesse chiarimenti – conclude Romeo – o avesse bisogno di supporto può contattare la nostra associazione inviando una mail all’indirizzo: sicilia@adiconsum.it o recandosi in una delle sedi dell’Adiconsum Sicilia”.