In rete la protesta è bollente. I social network e i blog pullullano di appelli rivolti al Presidente dell’Ars, Francesco Cascio e a tutti i deputati, affinché il logo dell’Assembela regionale siciliana torni ad essere la Trinacria, la bandiera siciliana. L’idea di cambiarlo, con una sorta di raffigurazione a spirale che si trova sull’impugnatura di un vaso neolitico  conservato nel Museo Archeologico di Siracusa, è stata dell’ex numero uno di Sala d’Ercole, Gianfranco Micciché. Un’operazione che, al di là delle motivazioni, ha avuto dei costi non indifferenti: il logo è stato sostituito in ogni angolo di Palazzo dei Normanni.

Ma, molti siciliani non si rassegnano. Come vi abbiamo raccontato in questo articolo, gli appelli si moltiplicano di giorno in giorno.

E il presidente Francesco Cascio non li ignora. Anzi. Intervistato da BlogSicilia sulla richiesta che arriva dalla rete risponde: “Al momento la questione non è all’ordine del giorno. Ricordo inoltre che il simbolo dell’Assemblea Regionale Siciliana è stato cambiato soltanto poco tempo fa, nella scorsa legislatura, da parte del mio predecessore e ciò ha comportato costi ingenti” dice Cascio. Che aggiunge:  “Va compreso che ogni cambiamento che si apporta ai marchi va fatto seguendo dei processi concettuali e tecnici ben precisi, soprattutto se si tratta del logo di una pubblica amministrazione; dunque non è una decisione che può essere adotta con superficialità”.

Non è un sì ma non è neanche un no. E’ già qualcosa.

(as)