Trentacinque guardie giurate hanno perso il posto di lavoro al termine delle procedure di cambio di gestione dell’appalto per i servizi di sicurezza degli aeroporti di Lasmpedusa e pantelleria.

Si è conclusa, infatti, con esito negativo la procedura di cambio appalto (ex artt. 24,25,26 e 27 del contratto collettivo nazionale di lavoro) proprio per gli aeroporti di Lampedusa e Pantelleria.

“E’ impensabile che la Metronotte d’Italia – dichiara Mimma Calabrò Segretario Generale della Fisascat Cisl Sicilia – si ostini a non voler applicare correttamente quanto previsto dal CCNL di categoria in merito al cambio di appalto. Allo stato attuale le 35 Guardie Giurate che da anni svolgono il loro servizio presso gli aeroporti di Lampedusa e Pantelleria sono rimasti senza lavoro.

La Metronotte D’Italia ha cambiato, in corsa – continua Calabrò – le regole del gioco comunicando, contrariamente alle precedenti dichiarazioni, di non voler assumere alcun dipendente precedentemente occupato nell’appalto de quo non intendendo dare corso alle procedure di cambio appalto. Ribadiamo la necessità di una corretta applicazione delle normative vigenti in materia affinchè si ponga fine alle deregulation che ledono diritti e tutele a garanzie dei lavoratori. Auspichiamo che l’intervento della Prefettura alla quale abbiamo richiesto convocazione a tutela dell’occupazione delle storiche G.P.G. impiegate negli appalti, metta positivamente fine alla questione e imponga il rispetto delle regole in un settore così delicato che vede donne e uomini in divisa svolgere funzioni di pubblica sicurezza ma per i quali, al momento, le garanzie professionali sono davvero poche”.

LA REPLICA DELLA METRONOTTE D’ITALIA