Sono stati portati in salvo 210 migranti che, a bordo di due gommoni, erano diretti verso l’Italia. E’ l’esito di due distinte operazioni di soccorso svolte a largo delle coste libiche.

A bordo di una delle due imbarcazioni è stato anche recuperato il cadavere di un uomo. La prima operazione è stata svolta da una nave spagnola inquadrata nel dispositivo EunavforMed (la missione europea antiscafisti), il cui equipaggio ha salvato 111 migranti ed ha recuperato il cadavere. Il secondo intervento è stato compiuto dalla nave irlandese Beckett e dalla nave Dignity 1, di Medici Senza Frontiere, che hanno preso a bordo 99 migranti.

Tutti i 210 migranti salvati nei due interventi, coordinati dalla centrale operativa di Roma della Guardia Costiera, sono stati successivamente trasferiti sulla nave Dignity 1, che ha ancora a bordo anche gli oltre centro migranti salvati ieri. Su Dignity 1 è stato trasferito anche il cadavere recuperato su uno dei due gommoni.