Divieto di soggiorno della Procura della Repubblica e conseguente decreto di sospensione dalla carica da parte del prefetto di Agrigento per il consigliere comunale di Canicattì Raimondo Baldo Marocco.

L’uomo, 42 anni, addetto alle vendite in un negozio di abbigliamento, infatti è indagato in un procedimento per stalking nei riguardi della moglie dalla quale da tempo si sta separando.

La tipologia di reato ipotizzata ha portato la Procura della Repubblica a sottoporre Baldo Marocco alla misura del “divieto di dimora a Canicattì” e quindi di conseguenza all’impossibilità di svolgere il mandato elettivo di consigliere comunale per cui è scattato il provvedimento di sospensione firmato nella tarda serata di ieri dal prefetto di Agrigento.