In Sicilia, la situazione delle carceri sembra ormai arrivata al collasso. I 3.000 detenuti in esubero, rispetto alla capienza normale, creano un allarme da non sottovalutare. Inoltre, le 4.000 guardie penitenziarie distribuite nelle 27 carceri del territorio regionale, sembra proprio inadatto alle esigenze.

I conti, quindi, non tornano. Se consideriamo il numero di guardie penitenziarie in attivo (ovvero tralasciando quelli in riposo o congedo) la cifra si attesta sulle 1.600 unità che lavorano nell’arco della giornata. Con la condizione critica del sovraffollamento, è facilmente intuibile che presto si debba ricorrere a soluzioni che possano in qualche modo far calmare le acque.

Domani alle ore 10.30, presso la Uil di Caltanissetta, Gioacchino Veneziano, coordinatore regionale Uil-Penitenziari, esporrà la questione di fronte ai responsabili sindacali.