Nelle prime ore di oggi tra Messina e San Fratello i carabinieri della Compagnia di Messina Sud hanno dato esecuzione a 17 misure cautelari personali (di cui 11 in carcere, 5 agli arresti domiciliari e un obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria) soggetti a vario titolo indagati, in concorso, per riduzione in schiavitù, proprietà od esercizio di una casa di prostituzione, induzione, reclutamento, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

> I VOLTI DEGLI ARRESTATI

Le persone colpite dalla misura della custodia cautelare in carcere sono:

Vincenzo Inuso nato a Messina il 26.11.1976;

Giovanni Cisco nato a Messina il 08.11.1959;

Carmela Comandè nata a Messina il 11.02.1955;

Michele Ferro alias Massimo nato a Messina il 05.09.1970;

Antonino Barrile nato a Messina il 17.11.1966;

Giuseppina Pulejo nata a Messina il 18.11.1958;

Lucia Mazzullo alias Lisa nata a Messina il 12.03.1968;

Antonino Guarnera, nato a Messina il 03.07.1974;

Giuseppe Bonsignore, nato a Messina il 25.07.1958;

Vincenza Piazza nata a Messina il 07.06.1955;

Alfredo Pascale nato ad Angri (Sa) il 25.03.1949, residente a Messina.

 

Agli arresti domiciliari:

Antonino Gumina nato a Messina il 27.10.1962;

Cirino Oriti alias Mario nato a San Fratello (Me) il 04.02.1948;

Pietra Scucchia alias Petrina nata a Messina il 15.03.1931;

Santina Fazio Di Pietro nata a Messina il 24.09.1973;

Mallikawathi Edirisinga Arachchige alias Malika o Marika, nata a Kutukenda East (Sri Lanka) il 30.03.1947, dimorante a Messina.

 

Mentre per Antonino Micale nato a Messina il 19.10.1994, è scattato l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.