Silvana Saguto ha respinto con fermezza tutte le accuse, è stata precisa e puntuale. Non ha mai intascato un euro e abbiamo dimostrato che le accuse umilianti a lei contestate sono frutto di macroscopici errori”.

Queste le parole dell’avvocato Giulia Bongiorno, difensore dell’ex presidente della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, al termine dell’audizione resa davanti alla sezione disciplinare del Csm che procede per una serie di presunte irregolarità nella gestione dei beni confiscati alla mafia.

L’avvocato Bongiorno sta difendendo il magistrato contro il quale è in corso un’azione disciplinare. Il ministro della Giustizia e il pg della Cassazione hanno chiesto anche di sospendere Saguto da funzioni e stipendio. Bongiorno ha definito le accuse al giudice “umilianti e basate su errori macroscopici”.