Venezia come Catania, ma senza i canali e i ponti romantici. Non che Catania abbia qualcosa da invidiare al Capoluogo veneto, anzi. Ieri, però,  assomigliava  tanto a Venezia: acqua fino alle ginocchia, strade allagate e… gondolieri.

L’alluvione ha difatti completamente stravolto la Città. Che Catania non fosse pronta a contrastare situazioni di questo tipo si sapeva già e il web non ha esitato a ironizzare sulla vicenda.

GUARDA LE FOTO

Mentre ieri piazza Università sembrava una piscina naturale con bidoni della spazzatura, pezzi di auto e oggetti vari che navigavano indisturbati, qualcuno ha proposto una simpatica soluzione per potersi spostare: un corso per gondoliere professionista! Il luogo di partenza? Piazza Borsellino, è chiaro! Proprio lì, dove ieri sono state scattate le foto di moltissime auto che galleggiavano.

Ma piazza Borsellino è solo uno dei tanti luoghi che potrebbe essere adatto a un corso di questo tipo, perché lungo le vie del centro scorreva un vero e proprio fiume. Ma perché non prenderla con filosofia e andare a fare un bagno? Alcuni ragazzi hanno pensato bene di indossare una maschera e un costume e hanno percorso la via. Con loro, un ragazzino era addirittura munito di muta acquatica, perché è giusto equipaggiarsi bene prima di compiere una simile impresa. Diciamo che mancavano solo le pinne!

Su Posti di blocco Catania, una pagina Facebook particolarmente “vivace”, qualcuno posta le foto e i video dell’alluvione. E gli altri membri lanciano la sfida: “Chi ha il coraggio di buttarsi lì in mezzo col materissino?”.

Dalla zona tondo Gioeni scende, di nuovo, una vigorosa cascata. Sembrerebbe quasi di essere in qualche luogo esotico. Gli utenti, però, commentano: “A fontana o linzolu 2”.

Il paesaggio “acquatico” non manca e, con i giusti ritocchi, potrebbe anche assomigliare alla versione moderna dei quadri di Monet, tanto che qualcuno commenta: “Ora mettici un pugno di ciuri acquatici tipo ninfee e il gioco è fatto: l’autunno di Bianco!”. Beh, gli autunni di Monet non avevano proprio le ninfee…ma meglio ironizzare sulla situazione.

I più, però, si arrabbiano: “Due gocce d’acqua e Catania è sempre così!”. Diciamo che non erano proprio due gocce d’acqua, ma…si sa, Catania e la pioggia non è mai stata una grande accoppiata.