Sono state decisamente poche le ore di tranquillità nell’infermeria di Torre del Grifo che adesso ‘ospita’ anche Sergio Almiron bloccato da noie muscolari. Il centrocampista si è fermato ieri durante la partitella dove si è rivisto, invece, Pablo Barrientos che è andato a segno per due volte.

De Canio si trova davanti ad un dubbio: rischiare Plasil appena rientrato da una convalescenza o stravolgere i disegni tattici affidando la mediana al greco Tachtsidis? Il campionato è ancora lungo e compromettere il cammino di qualche pedina potrebbe apparire rischioso, è altrettanto vero, però, che la partita di domenica contro il Torino potrebbe segnare una svolta importante se i rossazzurri riuscissero ad andare a punto.

Il centrocampista greco sente la responsabilità, ammettendo che il suo avvio di stagione è stato piuttosto lento: “Ho avuto qualche difficoltà di ambientamento, ma nelle ultime 5 partite le cose sono andate meglio: conosco meglio i compagni e loro conoscono meglio me”, ha detto Tachtsidis che si è anche detto di non gradire il paragone con Francesco Lodi, semmaio “Pirlo è il mio riferimento”.

Intanto ieri il Catania ha prolungato il contratto di Giuseppe Bellusci fino al giugno 2016.