Un pasto caldo anche la domenica. È questo il progetto dell’Help Center che accoglierà i più bisognosi anche nei giorni festivi.  Una mano che viene tesa a chi non ha più molto ed è costretto a recarsi nei centri della Caritas per sfamarsi.

Dal 7 giugno, alle 13, l’Help Center aprirà le porte ai poveri per tutte le domeniche. Il servizio sarà preceduto alle  12.00 dalla messa, celebrata dal direttore della Caritas Piero Galvagno.

Dal lunedì al sabato, verrà garantita l’offerta della cena dalle 18.30, con l’idea di tenere aperto l’Help Center 365 giorni all’anno. 

È questo l’impegno concreto della Caritas contro la povertà e la fame, realizzato grazie all’aiuto di 15-20 volontari che garantiranno pasti e assistenza alternandosi. La prima domenica il servizio verrà svolto dalla parrocchia del Crocifisso dei Miracoli, mentre la seconda e la terza domenica sarà il gruppo “La strada bella” a occuparsi di servire i pasti. L’ultima domenica toccherà, invece, al gruppo della Misericordia di S. Maria di Ognina.

“Come noi mangiamo anche la domenica – ha spiegato il direttore della Caritas Piero Galvagno – , lo stesso sarà per i più bisognosi e per le famiglie, che potranno pranzare ed essere accolti alla mensa anche nei giorni festivi”.

Un servizio in più, in attesa dei lavori di ristrutturazione che si svolgeranno all’Help Center. La mensa verrà ristrutturata e ampliata per accogliere 150 persone, il doppio rispetto al numero iniziale.

Nato nel 2006, il centro verrà dotato anche di una nuova uscita, in viale Africa, per facilitare l’ingresso dei poveri. I lavori riguarderanno anche l’ufficio del Centro di Ascolto e un nuovo ambulatorio, che nascerà per garantire una “rete di accoglienza sanitaria”.