L’identikit del giovane cantautore catanese Jo M fino a ieri sembrava facilissimo da creare: talentuoso, pieno di energia e con uno spirito positivo incredibilmente contagioso.

Con il nuovo singolo, nato sotto gli ottimi auspici dell’etichetta sicilianissima Tillie Records , di Simona Virlinzi (si, avete capito bene, se il cognome vi ha suggerito qualcosa), quell’identikit ci sembra scarno, insufficiente.

Nel momento in cui comincia a suonare nelle orecchie di chi la ascolta “Da un pensiero” da l’idea di una canzone che vorrai subito riascoltare, perchè, esattamente come lui, ha ancora qualcosa in più da dirti, da aggiungere.

La poetica delicata e quasi impalpabile è quella che ri-conosciamo, ma nel testo e nel suono ci sono sfumature nuove, qualcosa che rimanda ad un nuovo ascolto e ad un’emozione che avevi solo intuito. E’ il pregio tipico delle canzoni che “durano”.

Nel raccontarsi , ancora una volta ai microfoni di Rsc Radio Studio Centrale, la radio catanese che ha scommesso su di lui da “Mondo Morbido” in poi, appare subito chiaro un nuovo corso: ” Ci sono tante novità nel mio percorso artistico, la prima è ovviamente determinata dall’incontro con Simona Virlinzi che ha da subito fortemente creduto in me, al punto da decidere di produrmi. E la seconda è che sto lavorando al disco che uscirà nel 2016. Posso dire di aver scritto praticamente tutta l’estate…”.

E che la faccenda sia seria lo testimoniano i nomi in ballo, come ci racconta lo stesso Jo M :” Per me è stato davvero un privilegio lavorare con gente del calibro di Roberto Vernetti, in qualità di produttore artistico. Ti rendi conto che certi professionisti fanno davvero la differenza (all’attivo collaborazioni del calibro di Max Pezzali o Dolcenera, nonchè producer di Skin nell’ultima edizione di X Factor -Ndr).

E poi è stato magnifico anche l’incontro con Fabio Gurian, noto in qualità di direttore d’orchestra della Rai, che ha curato gli arrangiamenti degli archi in maniera magnifica .”
L’emozione di Jo M è palpabile, come sempre.

Ma stavolta c’è qualcosa in più. Una nuova consapevolezza, un progetto chiaro e una grande attesa: il disco nella primavera del 2016.