Catania iscritto in Serie B e, in attesa del processo sportivo, ufficialmente nella cadetteria. Qualcosa si muove, anche finanziariamente: la Finaria, la holding che fa capo a Pulvirenti, infatti, avrebbe versato nelle casse del club la cifra necessaria a saldare gli stipendi di calciatori e dipendenti. Tutto in regola anche per la fideiussione di 300mila euro, fondamentale per ultimare l’iscrizione al campionato cadetto.

Si tratta dell’ultimo sforzo del gruppo Pulvirenti o del rilancio dell’ex presidente, ormai solo proprietario della società? Vedremo.

Nel frattempo, secondo indiscrezioni, ci sarebbe già stato il primo contatto tra la società, un emissario del Comune e il rappresentante di una cordata interessata all’acquisto del Catania. Interesse reale o semplice pour parler? Anche questa è una domanda che, al momento, non avrà una risposta.

La notizia, per il momento, è che il Catania ha ultimato le pratiche per l’iscrizione in Serie B. Tutto il resto arriverà nel corso di un estate che si prospetta caldissima, tra il processo per le combine, la vendita dei giocatori importanti e il destino, incerto, della società rossazzurra che potrebbe ritrovarsi, addirittura, in Serie D.