Questa mattina una trentina di genitori dei bambini dell’asilo nido dell’Istituto Comprensivo Emerico Amari sito in via Gian Filippo Ingrassia a Palermo si è riunita in un sit in di protesta di fronte alla scuola.

Il motivo della protesta nasce dalla volontà da parte dell’Istituto di spostare due delle quattro classi di asilo nido nell’Istituto delle Artigianelle (ex convento di Santa Teresa) in piazza Kalsa.

GUARDA LE FOTO 

La decisione di spostare due delle quattro classi di asilo nido presenti all’interno dell’Istituto è nata poco prima dell’inizio dell’anno scolastico, a causa dell’eccedenza di aule di asili nido (ne sono infatti presenti 4 anziché 2) e la conseguente insufficienza di servizi igienici per i bambini. Inizialmente i bambini avrebbero dovuto essere spostati al plesso Ferrara, in Piazza Magione, ma per lavori di ristrutturazione del plesso Ferrara lo spostamento non è avvenuto.

Per questo motivo i bambini saranno trasferiti temporaneamente all’Istituto delle Artigianelle in Piazza Kalsa, ex monastero di Santa Teresa.

L’Istituto delle Artigianelle versa in stato di degrado al momento; non ci sono servizi igienici adeguati, i bagni sono all’aperto, chiusi solo da tendine, la struttura è fatiscente. Protestiamo perché siamo preoccupati per i nostri figli” dice Agata Virzì, una delle mamme “Al primo accenno di protesta ci hanno immediatamente detto che se non fossimo stati a queste condizioni avremmo benissimo potuto ritirare i nostri figli dall’asilo nido in quanto non parte della scuola dell’obbligo. Noi chiediamo che i nostri figli abbiano il diritto di imparare fin da piccoli, e chiediamo migliori strutture e migliori servizi”.

I genitori hanno appeso al muro uno striscione con su scritto “Ch’i picciriddi un’ si babbìa! Più asili nei quartieri popolari”.

“Siamo solidali con i genitori che protestano questa mattina” afferma Silvia Fabra del Centro Sociale Ex Karcere “all’interno del Centro Sociale svolgiamo quotidianamente l’attività del doposcuola popolare e conosciamo bene le difficoltà di bambini e genitori nei quartieri popolari. Le strutture non sono abbastanza, e se ci sono, sono pericolanti e inadatte allo svolgimento sereno e tranquillo delle attività didattiche e ludiche che la formazione primaria (sia quella dell’obbligo che non) dovrebbe garantire. Saremo qui a protestare insieme ai genitori dei bambini dell’asilo nido fino a quando non riceveranno una sistemazione adeguata. Intanto ci adopereremo insieme ai genitori per richiedere un incontro all’assessore alla Scuola Barbara Evola durante la prossima settimana, per ricevere spiegazioni e soprattutto risposte immediate.”