Si è svolto ieri un incontro tra il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il vice sindaco Cesare Lapiana e l’assessore al Bilancio Luciano Abbonato coni rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, sulla situazione delle aziende partecipate del Comune.

Durante l’incontro, il sindaco ha rimarcato la situazione di crisi delle aziende, sottolineando che l’amministrazione non può aumentare la pressione fiscale sui cittadini e che è quindi necessario da parte di tutti un impegno per scongiurare il rischio di dissesto delle aziende.

In particolare, si è discusso della situazione della Gesip, rispetto alla quale è stato ribadito l’impegno di non intaccare il livello reddituale in atto con la cig in deroga.

È stato inoltre ricordato che l’amministrazione ha già avviato in tutte le aziende un processo per favorire il pensionamento e incentivo all’esodo, al fine di ottenere in prospettiva disponibilità di utilizzo di altro personale.

Analogo percorso è stato avviato anche per Gesip per l’incremento dell’esodo volontario e forme di sostegno all’auto-impiego con incentivi da parte del Comune.

Allo stato, mancando la previsione normativa per la mobilità fra aziende partecipate e dovendo quindi comunque ricorrere alla cig in deroga, come prospettato dal Ministero, è necessaria la sottoscrizione della stessa da parte del Comune, del Ministero, della Regione, dell’Inps e di Italia Lavoro.

L’amministrazione – ha informato il sindaco – ha già concordato il testo e il percorso del protocollo d’intesa con Ministero e Regione e adesso si attende il via libera finale dallo stesso Ministero e da parte del Presidente della Regione siciliana.

Leggi anche:

 Precari a Palermo, ammissibile emendamento a legge stabilità

Torna l’emergenza rifiuti a Palermo: cassonetti stracolmi