“Avviare la liberalizzazione dei saldi in Sicilia, dando voce alle numerose richieste di cittadini e commercianti”.

E’ la richiesta rivolta al presidente della Regione Rosario Crocetta dal segretario nazionale del Codacons, Francesco Tanasi, secondo il quale “non c’è bisogno di attendere le date fissate dalla legge, ma bisogna incentivare, per quanto possibile, sin da subito gli acquisti”.

“Una soluzione a breve termine per uscire dalla crisi  e consentire alle famiglie di riprendere ad acquistare, è anticipare i saldi già nei prossimi giorni”, prosegue Tanasi perchè “così facendo, da un lato si incrementeranno le vendite dando impulso al settore del commercio e fiato agli esercenti a rischio chiusura, dall’altro si permetterà alle famiglie di fare acquisti in tutta tranquillità e senza stringere la cinghia. Senza saldi anticipati la crisi si farà sentire sugli acquisti estivi rendendo  l’estate dei siciliani ancora più povera degli anni passati”.

Secondo Tanasi “sono ormai maturi i tempi per saldi liberi e permanenti. Basta alle promozioni legate solo ad alcuni periodi dell’anno e vincolate da norme assurde e dannose per i consumatori, che limitano gli sconti ad alcuni giorni dell’anno. Liberalizzando i saldi- sostiene ancora il segretario nazionale del Codacons – si aumenterà la concorrenza, i commercianti potranno scegliere quando e come effettuare gli sconti, e si avrà una diminuzione generale dei prezzi spalmata su tutto l’arco dei 12 mesi. Una legge che regoli il tutto è necessaria e può certamente nascere dalle proposte da noi lanciate, regolando con un unico articolo l’intera gestione dei saldi, nel rispetto della concorrenza, ma anche delle esigenze di consumatori e commercianti”.