E’ caccia al piromane che all’alba di ieri ha danneggiato diversi uffici nella sede distaccata del comune di Comiso appiccando il fuoco nel settore protocollo. I danni sono da quantificare perché la scientifica è ancora al lavoro.

Sull’episodio, infatti, indaga la polizia che ieri, assieme ai vigili del fuoco, ha ritrovato una tanica di plastica liquefatta dalle fiamme e che odorava di benzina.

Gli investigatori, dopo aver esaminato le immagini dei sistemi di videosorveglianza, hanno ricevuto dalla Procura della Repubblica il nullaosta per divulgare le foto e il video, così da favorire l’individuazione del piromane.

A Comiso stanno operando gli uomini del Commissariato, della Digos e della Squadra Mobile; ogni risorsa della Polizia di Stato va spesa per individuare il responsabile.

“I cittadini – si legge nel comunicato – sono invitati a contattare il 113 o gli uffici del Commissariato di Comiso 0932/749011 per riferire notizie utili in merito al soggetto che è stato ripreso dai sistemi di videosorveglianza. La Polizia di Stato di Ragusa ringrazia tutti coloro che forniranno indicazioni utili per l’individuazione del responsabile del reato di danneggiamento a seguito di incendio”.