E’ stata rinviata a giovedì la seduta a Sala d’Ercole per l’elezione delle nuove commissioni legislative dell’Ars. Era all’ordine di giorno oggi in Aula ma il Pd siciliano non ha ancora fornito le sue indicazioni. Le correnti del Partito democratico, in guerra tra loro, non hanno ancora trovato l’intesa per scegliere il nuovo caporgruppo parlamentare che prenderà il posto del neo assessore Antonello Cracolici.

Quest’ennesimo rinvio che rischia di rallentare ulteriormente i lavori parlamentari non va gio al Movimento 5 stelle. “La farsa continua  – affermano i deputati M5S. – La Sicilia è ancora ostaggio del Pd. La guerra interna per la nomina del capogruppo del partito democratico continua a paralizzare l’attività in aula e la Sicilia. Settimane di stallo non sono bastate a placare la smisurata fame di poltrone.

“E’ la conferma – continunao i deputati a 5 Stelle – che in questo modo il destino della Sicilia è segnato e che con questa classe politica non si va da nessuna parte. La mozione di sfiducia che abbiamo stilato si conferma un fatto più che doveroso e l’unica possibilità di salvezza. Devono andare tutti a casa, hanno passato tutti i limiti della decenza. I siciliani non meritano questo”.