Confisca di beni per un valore di oltre tre milioni nei confronti di Giancarlo Buggea, imprenditore di 45 anni ritenuto esponente della famiglia mafiosa di Canicattì nell’Agrigentino.

L’0perazione è della Direzione investigativa antimafia. Nei suoi confronti il tribunale di Agrigento ha disposto anche la misura della sorveglianza speciale per un anno e sei mesi.

Buggea era stato arrestato nel 2006 nell’ambito dell’operazione ‘Ghost 2’ con l’accusa di associazione mafiosa, poiché ritenuto responsabile di un episodio di estorsione aggravata dall’utilizzo dei metodi mafiosi ai danni di un imprenditore di Campobello di Licata. Nel 2010 l’imprenditore è stato nuovamente arrestato nell’ambito dell’operazione antimafia ‘Apocalisse’, in quanto ritenuto responsabile di intestazione fittizia di beni, aggravata dall’aver favorito Cosa Nostra. L’impresa in questione sarebbe stata riconducibile all’allora latitante e capo dell’organizzazione criminale della provincia di Agrigento, Giuseppe Falsone.

Tra i beni confiscati, un fabbricato con relativo complesso di beni aziendali, dell’associazione agricola “La Rotonda dei Pini”, 8 terreni agricoli, il 50% delle quote societarie e del patrimonio della Biofrutta srl, di cui risulta avere partecipazioni anche la moglie di Buggea.