Le Associazioni Studentesche ACTEA, Studenti per gli Studenti,  Archè, Crediamoci Catania,  Nuovi Studenti e Viva ci tengono a precisare che l’articolo in questione è lontano anni luce dalla realtà dei fatti.

La Campagna elettorale per il rinnovo della consulta degli studenti non ha per nulla indignato le associazioni studentesche… quelle vere… le associazioni che aggregano e svolgono attività ludiche, sportive, culturali e politiche tra i banchi di scuola, tra i campi sportivi ed anche in discoteca e che di fatti ha portato al voto oltre 120 studenti! Al contrario, ha allontanato quegli elementi  che credono di poter incidere nella vita dei giovani grazie agli interventi politici delle segreterie e non solo!

La protesta è stata fatta da poco più di 10 rappresentanti che, non avendo i numeri per far eleggere un proprio presidente si è lanciata dichiarazioni paradossali ed alquanto surreali.

La Campagna elettorale l’ha vinta l’unione di tutte quelle associazioni che sono presenti realmente nelle scuole e che hanno espresso più di 120 rappresentanti. Gli studenti hanno premiato chi mette valori morali, etici e civili come solidarietà, amicizia, impegno, presenza e lealtà davanti ad ogni logica di partito o di segreteria. 

Per la 5a volta il presidente provinciale della consulta studentesca è dell’associazione ACTEA e quest’anno si è superata ogni più rosea previsione, considerato che le compagini avversarie hanno prodotto sul loro candidato solo 1 voto.

Salvo Musumeci è il presidente più giovane mai eletto e inizierà il proprio operato forte di aver ottenuto un vero e proprio plebiscito, con 103 voti su 123. Il Vice presidente eletto è Francesco Aletta delle associazioni Crediamoci Catania e Nuovi Studenti.

La coalizione vincente è entusiasta del risultato ottenuto, ed i loro coordinatori Alessandro Ragusa (ass. Actea) ed il Presidente uscente Stella Di Stefano (ass, Actea), Enrico tudisco e Luca Calanna (ass. Crediamoci Catania) , Vincenzo Giaconia e Giacomo Ferrara (ass. Nuovi Studenti), Federico Di Carlo (ass. Archè), Marco Spagnolo (ass. Viva), Davide Scalisi e Michelangelo Costantino (ass. Studenti per gli Studenti) tengono a precisare che “tale impressionante risultato è arrivato grazie alla correttezza e la comunione d’intenti della nostra compagine, grazie al costante impegno ed alle grandi battaglie portate avanti al fianco degli studenti in questi anni da parte dei nostri rappresentanti ed associati, che al contrario di chi appare solo in periodo elettorale, accompagnato da “arroganza ”, “ipocrisia” e tante “bugie”, hanno sempre lavorato in sordina. Felicissimi del Risultato anche i Senatori Accademici Giovani Magni (ass. Crediamoci Catania) e Giuseppe Musumeci (ass. Actea), già presidente della consulta degli studenti: “questa è una vittoria che parla chiaro, quando si ha un plebiscito vuol dire che si è lavorato bene”, poi aggiunge a proposito degli avversari: “purtroppo si sa, la volpe quando non arriva all’uva…”.

LEGGI ANCHE