Malversazione. E’ l’ipotesi di reato avanzata dalla procura di Enna che ha notificato, oggi, un avviso di garanzia a Cataldo Salerno, ex presidente della Fondazione Kore e Mirello Crisafulli, ex parlamentare del Pd.

Assieme a loro analogo avviso è stato notificato all’intero consiglio di amministrazione dell’Università Kore e ai revisori dei conti, accusati di avere ricevuto, nel 2012, un contributo di 1 milione di euro dal comune di Enna e di non averlo mai versato sul conto corrente dell’Università ma piuttosto su quello della Fondazione.

Gli altri indagati sono Michele Galvagno e Carmelo Tumino ex parlamentari regionali del Pd, Edoardo Leanza da poco eletto presidente della Fondazione Kore ed ex parlamentare di Forza Italia e i revisori dei conti Gaetano Rabbito, ex parlamentare nazionale del Pd, Nicolò Trecarichi e Alessandro Lentini.

Nell’informazione di garanzia firmata, dal procuratore della Repubblica di Enna, Calogero Ferrotti c’è un nono indagato di cui non si conosce l’identità. Qualche giorno fa, a sorpresa, Salerno aveva lasciato la presidenza della Fondazione.

Intanto lunedì prossimo inizieranno le lezioni della Facoltà di Medicina dell’Università romena Dunarea de Jos gestita dal Fondo Proserpina di cui Crisafulli è amministratore. Ma la bufera, per Crisafulli non si placa. Stamani i deputati nazionali Ernesto Carbone e Fernando Aiello sono giunti ad Enna per prendere possesso della federazione del Pd commissariata negli scorsi mesi.