E’ di cinque arresti ed una denuncia, il bilancio dell’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina, condotta in città ed in provincia, dai Carabinieri delle Compagnia di Palermo San Lorenzo e di Carini da inizio mese ad oggi.

In ordine, a Palermo verso le ore mezzanotte e mezza i Carabinieri della Stazione Altarello di Baida denunciavano stato libertà per “detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente” F: V., ventunenne studente palermitano incensurato. I militari, durante un controllo in piazza Tommaso d’Aquino, gli hanno trovato 20 grammi di marijuana.

Alla medesima ora ma del 1 dicembre a Palermo, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia San Lorenzo, avevano arrestato in passaggio Giuffrida  per “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” M. E., palermitano 47 anni  sorpreso a cedere cocaina ad un 37enne palermitano, a sua volta segnalato alla Prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti per uso personale. Nel corso delle perquisizioni personale e domiciliare, rinvenivano complessivamente, nella disponibilità del pusher, 14 grammi di cocaina, in parte già suddivisa in dosi, materiale per il confezionamento e la somma in contante di € 40,00, presunto provento illecita attività di spaccio, il tutto sottoposto sequestro.

L’arrestato sottoposto a regime arresti domiciliari presso propria abitazione come disposto dell’Autorità Giudiziaria, dopo la convalida è stato rimessa in libertà.

Sempre il 01 dicembre, a Palermo, verso le ore 05.30, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia San Lorenzo hanno arrestato per “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” M. M. casalinga palermitana di 54 anni. Gli investigatori, a seguito di perquisizione eseguita presso abitazione della donna, rinvenivano complessivamente, nella sua disponibilità, 15 grammi di cocaina, materiale per il confezionamento e somma contante € 120 presunto provento illecita attività di spaccio, il tutto sottoposto a sequestro. L’arrestata sottoposta a rito direttissimo, dopo la convalida è stata rimessa in libertà.

Il 02 dicembre, alle ore 12.30, a Palermo, i Carabinieri della Stazione San Filippo Neri, a conclusione attività di osservazione svolta in via Marchese Pensabene, arrestavano per “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” Nunzio Brancato palermitano di 50 anni residente via Costante Girardengo, sorpreso a cedere cocaina a un 35enne palermitano, a sua volta segnalato locale prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti per uso personale. Il pusher a seguito di perquisizione personale e veicolare, veniva sorpreso con 6 grammi di marjiuana e 9 di hashish, in parte già suddivisa in dosi, e somma contante di € 270, provento illecito attività di spaccio, tutto sottoposto sequestro.

L’arrestato sottoposto regime arresti domiciliari presso propria abitazione come disposto A.G., giudicato con rito direttissimo, dopo la convalida è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Il 03 dicembre, alle ore 22.30, a Palermo, nuovamente i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia San Lorenzo hanno tratto in arresto una donna accusata di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”, E. T. palermitana di 22 anni residente via Crocetta.

I Carabinieri, a seguito di perquisizione eseguita presso un magazzino in uso alla prevenuta, in via Francesco Giunta, rinvenivano complessivamente, nella sua disponibilità, tre grammi di cocaina, 4  di hashish e 9 di metanfetamina, in parte già suddivisa in dosi e somma in contante di € 105 presunto provento illecita attività, il tutto sottoposto a sequestro.

L’arrestata sottoposta regime arresti domiciliari presso propria abitazione come disposto dall’A.G., dopo la convalida è stata sottoposta alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione in caserma, pertanto rimessa in libertà.

Per ultimo, alle prime ore di oggi , verso le ore 01:00 circa, a Carini, nel corso di uno specifico servizio antidroga, i Carabinieri della locale Stazione, hanno arrestato Giuseppe Amato, nato a Carini 38 anni, abitante in via Marciano, con l’accusa di detenzione e spaccio di cocaina.

La pattuglia dell’Arma, nel transitare dalla via Pescara, notavamo un veicolo fermo a centro delle strada e un giovane fuori dall’abitacolo che dialogava con il conducente. Alla vista dell’autovettura istituzionale, il presunto acquirente, si allontanava frettolosamente dall’autovettura. Immediatamente veniva bloccato per strada, successivamente identificato un 27enne del luogo e contestualmente il veicolo una Fiat Punto condotta da Amato. Avuto fondato motivo che i due soggetti potessero occultare sostanza stupefacente, venivano sottoposti a perquisizione personale e veicolare, rinvenendo per terra, proprio nel luogo dove pochi istanti prima stavano dialogando i due soggetti, un involucro di plastica chiuso con nastro adesivo rosso, contenente sostanza di colore bianca del tipo cocaina.

La perquisizione veniva estesa all’interno del veicolo rinvenendo, nel parasole la somma contante di euro 615 (seicentoquindici) in banconote di vario taglio. Inoltre rinvenivamo occultato all’interno di un carter in plastica ubicato sulla destra del pedale d’accelerazione, un contenitore in plastica di colore bianco del tipo contenitore di medicine, contenente 5 involucri in plastica racchiusi con nastro adesivo di colore rosso uguali a quello rinvenuto per terra.
In Caserma veniva eseguito un accertamento tecnico col narcotest su un campione del presunto stupefacente rinvenuto, dal quale si accertava che la sostanza rinvenuta era del tipo Cocaina, avente un peso complessivo di circa 3 grammi.

Dell’avvenuto arresto veniva informato la competente Autorità Giudiziaria che disponeva nei confronti di Amato la misura cautelare degli arresti domiciliari e nella mattinata odierna tradotto presso il Tribunale di Palermo per essere giudicato con rito direttissimo, conclusosi con la convalida e la sola misura cautelare dell’obbligo di presentazione in caserma ai Carabinieri della Stazione di Carini, pertanto rimesso in libertà.