Continuano i controlli da parte dei vigili urbani di Catania e sono sempre più frequenti le manifestazioni di insofferenza da parte dei commercianti controllati. Oggi, addirittura, è stato necessario l’intervento dei carabinieri a supporto della polizia municipale durante una verifica di routine:  un negoziante si è barricato dentro il suo negozio, una macelleria e ha distrutto sedie e scaffali quando i vigili urbani gli hanno avviato i controlli.

E’ successo in via Giuseppe Verdi, a pochi passi dalla ‘fera o luni’ (nella foto): il commerciante, un cittadino egiziano con regolare permesso di soggiorno, ha inveito e dato in escandescenza quando i vigili urbani gli hanno contestato alcune irregolarità nella conservazione della merce: carne in particolare.

La polizia municipale ha constatato condizioni igieniche non ottimali soprattutto nel retrobottega dove, assieme agli alimenti, c’erano scatoloni, copertoni ed altre scartoffie.

Il negoziante, dopo la notifica del verbale da parte dei vigili di sei mila euro, in preda all’ira, ha chiuso il negozio e si è allontanato non risparmiando imprecazioni contro la polizia municipale di Catania e lo Stato italiano.

Attimi di tensione anche nella centralissima in via Giacomo Leopardi, dove un ambulante che vende frutta, si è scagliato contro una pattuglia di vigili che volevano verificare i prodotti in vendita. L’uomo avrebbe riferito agli agenti che era pronto a gesti eclatanti.

far